Film, Il braccio violento della legge

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com 

Il film è disponibile su Amazon.it

THE FRENCHLo scorso anno aveva sconvolto il Festival con un noir di grande impatto, Killer Joe, quest’anno William Friedkin tornerà alla Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia per ritirare il Leone d’Oro alla carriera, un traguardo importante che ‘santifica’ il cursus honorum di un regista tra i più originali della sua generazione.

Noto al grande pubblico per aver diretto uno degli horror più spaventosi di sempre, L’esorcista, Friedkin divenne regista di culto con la pellicola del 1971, Il braccio violento della legge (The French Connection). Ben cinque gli Oscar conquistati, miglior regia, miglior film, miglior montaggio, miglior sceneggiatura e miglior attore protagonista, lo straordinario Gene Hackman. Hackman interpreta un agente della narcotici che deve sventare l’arrivo a New York di un grosso carico di droga proveniente da Marsiglia.

L’operazione si rivela più ardua del previsto, sia per la scaltrezza dei criminali, aiutati da alcuni insospettabili, che per la sostanziale incapacità degli uomini della polizia, Doyle su tutti, ossessionato dall’obiettivo in maniera patologica. Taglio documentaristico e sequenze d’azione mozzafiato, una su tutte l’inseguimento del malvivente, ispirata al coevo Bullitt, hanno fatto del film un simbolo del cinema americano degli anni ’70.

Per 26 isolati la macchina guidata da Gene Hackman ha inseguito il convoglio della metropolitana (il treno sopraelevato a Coney Island), senza che la strada fosse libera e con una velocità spaventosa, rispetto a quella già vertiginosa del treno. Memorabile.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: