Salute Notizie del 6 Giugno 2014

corte-dei-conti1La spesa sanitaria si è ridotta, ma occorre ancora tenere presenti le sfide presenti e quelle future. Lo afferma la Corte dei Conti, secondo cui le ricette giuste sono appropriatezza, ticket e costi standard. “Una migliore metodologia di individuazione dei costi standard – affermano i magistrati contabili – è strettamente legata al processo di certificazione dei dati contabili nonché all’implementazione in ogni regione ed in ogni azienda sanitaria di sistemi di controllo di gestione e di contabilità analitica. Solo partendo da costi certi – aggiunge la corte dei conti sarà possibile individuare costi standard attendibili”.

Nonostante i luoghi comuni, avere un televisore nella stanza da letto può rendere più piccante la vita sessuale. In media infatti chi ha la tv nella stanza in cui dorme fa sesso il doppio rispetto a chi non ce l’ha. E’ questo il risultato di un sondaggio commissionato da VoucherCodesPro.co.uk e condotto da sulla popolazione britannica. Ai partecipanti alla ricerca è stato chiesto se avevano la televisione e quante volte a settimana avevano rapporti sessuali con il partner. I risultati raccolti hanno mostrato che chi aveva la tv faceva sesso, in media due volte a settimana mentre chi non ce l’aveva si limitava a un rapporto.

Si potranno ottenere prestazioni sanitarie erogate in strutture di eccellenza private, in tempi brevi e a costi calmierati, con risparmi tra il 30 e il 50%. E’ il progetto della Fondazione Health Care&ResearchOnlus con il progetto Privato Sociale realizzato in collaborazione con il gruppo Health Care Italia,il Centro Diagnostico Pigafetta, il Rome American Hospital e i medici di famiglia.Tre le condizioni per poterne usufruire: non essere iscritti alle liste di attesa del Ssn, non avere copertura assicurative o fondi integrativi e appartenere alla fascia di popolazione con reddito familiare medio e comunque non superiore ai 50mila euro annui o insufficiente a coprire le spese della prestazione sanitaria di cui si ha bisogno.

 

>Il fumo danneggia il sesso

Di Francesca Fiorentino. www.enxerio.com

Che il fumo sia uno dei nemici principali della salute è ormai riconosciuto e certificato; che sia pericoloso anche per l’attività sessuale, soprattutto negli uomini, è una novità emersa recentemente al Congresso della Società italiana di contraccezione e della Federazione italiana di sessuologia scientifica.

I fumatori che consumano un pacchetto di sigarette al giorno sono maggiormente soggetti a disfunzioni erettili. Si parla di una percentuale del 60%. Le sigarette infatti limitano per 4 ore l’afflusso di sangue al pene determinando una serie di danni che si manifesteranno col passare del tempo.

Anche l’alcool e la droga svolgono la stessa azione; se il primo mina la qualità degli spermatozoi e quindi la fertilità, la seconda può causare impotenza, eiaculazione precoce e inibizione all’orgasmo. Uno stile di vita sano, contraddistinto da una buona alimentazione e da un’attività fisica regolare sono fondamentali dunque per avere una sessualità soddisfacente.

E’ bene diminuire i cibi ricchi di lipidi e colesterolo (soprattutto i grassi animali), gli zuccheri a rapido assorbimento e il sale. Anche solo 30 minuti di movimento al giorno, poi, consentono di protrarre a lungo la possibilità di avere buoni rapporti sessuali.

Scoperta israeliana, arriva il “pillolo”

Di Francesca Fiorentino, Enxerio Channel

E’ finalmente giunta l’ora della pillola contraccettiva per i maschi e il merito è tutto di un gruppo di scienziati israeliani. Gli studiosi della Bar – Ilan University di Tel Aviv, infatti, hanno trovato una molecola che neutralizza la capacità fecondativa degli spermatozoi.

A differenza della classica pillola, in cui l’azione combinata di ormoni progestinici e estrogeni blocca l’ovulazione, in questo caso l’azione della molecola non avviene a livello ormonale, ma blocca la produzione di una proteina necessaria alla fecondazione. Va detto che gli spermatozoi vengono lo stesso prodotti, ma non hanno alcuna capacità di fecondare la cellula uovo per evitare al 100% gravidanze indesiderate.

Attualmente i test effettuati su topi da laboratorio hanno mostrato risultati incoraggianti, mentre la sperimentazione su volontari umani avrà inizio dal prossimo anno. Questo tipo di farmaco richiede un’assunzione mensile o trimestrale e in nessun modo rappresenta una devirilizzazione dell’uomo. La comunità scientifica internazionale ha accolto con ottimismo i risultati dello studio, manifestando tuttavia alcune perplessità legate all’effettivo ruolo di questa proteina, non solo nella fecondazione.

Inoltre, come sostenuto da alcuni medici, l’interazione tra lo spermatozoo e la membrana dell’ovocita è un processo molto complesso ed è difficile trovare un’unica proteina in grado di far saltare l’intero equilibrio. In ogni caso tuttio concordano nel dire che la contraccezione del futuro sarà di questo tipo, cioè senza alcun coinvolgimento ormonale

Come Rovinarsi l’Amore con Successo

Come Rovinarsi l'Amore con Successo

Recensione di David Di Luca,  www.riassumendo.com

Non sono certamente un esperto nei rapporti di coppia. Per questo vi serve magari il mio amico Giancarlo Fornei. Però mi ha incuriosito l’approccio di questo libro, per la sua carica ironica. Spesso i manuali alla rovescia insegnano meglio di quelli che sembrano quasi voler pontificare. Senza parere, ti fanno comunque riflettere.

Come aiutare una donna a mettersi nello stato necessario per raggiungere un orgasmo

Un guest post di Giancarlo Fornei, www.giancarlofornei.com

Giancarlo ForneiOggi ti parlo di un argomento un pochino osé: come aiutare una donna a mettersi nello stato necessario per raggiungere un orgasmo.

Oltre alle mie specifiche esperienze, ho raccolto centinaia e centinaia di punti di vista femminili e quasi tutti, convergono su di un aspetto: se una donna vuole avere un orgasmo deve eliminare dalla propria testa paure e ansia.

Ripeto con parole diverse: se una donna vuole avere un orgasmo, deve lasciarsi completamente andare, sentirsi al sicuro, priva di ogni minima tensione e paura.

Ciò denota una differenza sostanziale tra l’uomo e la donna: il vero centro sessuale della donna è il suo cervello, mentre nell’uomo è il suo organo genitale.

Dunque, mentre noi uomini ci eccitiamo principalmente in base agli stimoli visivi che riceviamo dall’esterno (ci basta anche una semplice rivista per eccitarci), per le donne il desiderio dipende da tutta una serie di componenti emotive e sensoriali.

Credo che questa sia una delle differenze più importanti che gli uomini dovrebbero comprendere, quando fanno o vogliono fare l’amore con il proprio partner.

Insomma, caro amico che leggi, è bene che tu sappia che problemi di lavoro, famigliari, relativi ai figli, ansia, scadenze e mancanza di comunicazione tra i partner, possono letteralmente “bloccare il desiderio sessuale” della tua signora.

Il calo della libido della tua compagna, infatti, può dipendere da almeno due fattori diversi:

  • un problema ormonale;
  • da stimoli emotivi e sensoriali che non la fanno sentire tranquilla e che anzi, la mettono a disagio e le creano ansia.

Pertanto, la prossima volta che ti dirà che ha il famoso “mal di testa”, e magari questa cosa si protrae da parecchio tempo, anziché pensare egoisticamente al tuo orgasmo quotidiano, chiediti dov’è, realmente, la sua testa.

Scommetti che ha un grosso problema che la tormenta?

Accetti un consiglio banale? Parla con lei.

Aiutala a spiegarti cosa la preoccupa tanto e, soprattutto, ascoltala. Spesso il problema può essere risolto con poco, altre volte No. Quello che conta e che ti fai trovare al suo fianco, al momento giusto.

Nel nuovo libro che sto scrivendo su “come riuscire a conoscere e capire meglio le donne”, ho dedicato tutto l’intero settimo capitolo a raccontare come le donne vivono il sesso. Vi trovi consigli come quelli esposti in questo post e tanto altro ancora.

Se sei un uomo e sei veramente interessato a capire e amare le donne, ti consiglio di smetterla di pensare egoisticamente al tuo esclusivo orgasmo quotidiano e cominciare a fare uno sforzo per cercare di coinvolgere nel orgasmo anche la tua donna.

E stai attento: ho parlato di “coinvolgere” e non, di ricerca delle performance sessuali tanto care agli uomini.

Del resto, sbaglio o l’amore si fa in due?

Troppo osè l’argomento? Dai, dammi il tuo feedback, lasciami un commento al post.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach
Il Coach delle Donne

“Che aiuta le donne a creare autostima e raggiungere un obiettivo in 5 passi”

Autore degli ebook Penso Positivo e Donne In Crisi e dell’audio corso Autostima

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: