> Film, Man on the moon

>Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com 

Il film è disponibile su Amazon.it

Andy Kaufman è stato uno dei comici americani più innovativi dell’epoca contemporanea e all’umorista il grande regista Milos Forman ha dedicato nel 1999 un film di grande bellezza, Man on the moon, interpretato dall’eccezionale Jim Carrey.

La pellicola ripercorre tutte le tappe della carriera dell’artista, dagli esordi nei piccoli club americani, davanti ad un pubblico quasi sempre sconvolto dalle sue performance, fino al grande successo ottenuto con la sit-com Taxi, dove Kaufman vestiva i panni del meccanico straniero Latka, personaggio che gli ha regalato il successo negli States, ma che in qualche modo lo stesso Kaufman rifiutava.

Desideroso di essere un artista a tutto tondo, mal digeriva il fatto che gli spettatori lo identificassero solo con quella maschera. Sostenuto dalla grandissima interpretazione del protagonista e di un cast ispirato (Danny De Vito, per ironia della sorte vera star di Taxi, è il manager George Shapiro, Courtney Love la compagna Lynne,

Paul Giamatti l’autore e attore Bob Zmuda), il film è il ritratto di un attore come pochi: stralunato, sopra le righe, decisamente all’avanguardia. Uno dei pochi in grado di sfidare la platea, televisiva e non solo, con atteggiamenti spesso provocatori, ai limiti dell’insolenza. Eppure incredibilmente nuovi.

Piccola curiosità, il titolo del film è ispirato all’omonima canzone dei R.E.M. dedicata da Michael Stipe a Kaufman e contenuta nell’album Automatic for the People. La band di Athens ha poi composto un brano nuovo per la colonna sonora, il bellissimo The Great Beyond.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: