Farmaci, al via la vendita on line, col marchio di sicurezza

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

farmcaiL’e-commerce si sta diffondendo sempre più a tal punto da coinvolgere anche i farmaci da banco, ovvero quello che non necessitano di alcuna prescrizione medica; unico limite al commercio è dato dal bollino di qualità rilasciato dal ministero della Salute, un marchio che farmacie e parafarmacie on line dovranno esibire per vendere questi prodotti.

La novità è prevista dal provvedimento approvato lo scorso 14 febbraio, in via definitiva, dal Consiglio dei ministri, che recepisce la direttiva 2011/62/UE sui medicinali ad uso umano finalizzata ad impedire l’ingresso di farmaci falsificati nella catena di distribuzione.

La normativa prevede che i siti che vendono medicinali siano dotati di un link collegato al sito internet del Dicastero, che indicherà la lista degli enti autorizzate alla vendita di farmaci online.

In questo modo il cittadino sarà maggiormente garantito nell’acquisto di farmaci online, si legge in una nota di Federfarma, la Federazione nazionale unitaria dei titolari di farmacia.

Giovani italiani, la nuova dipendenza è il web

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

socialL’Italia non è un paese con un’alta alfabetizzazione informatica, eppure per 15 milioni di adolescenti e giovani fino ai 35 anni, computer, internet e social network sono il pane quotidiano. E’ quanto emerge da una ricerca condotta da ISPO per l’Osservatorio Salute AstraZeneca. Un giovane fra i 16 e i 35 anni su due soffre della cosiddetta sindrome del follower, ovvero un’assoluta dipendenza a dalla rete e dalle tecnologie.

Che si tratta di una patologia, pur nuova nella sua “sintomatologia”, lo spiegano bene i numeri. Il 47% del campione in esame non riesce a fare a meno di internet, uno su tre non può liberarsi dallo smartphone e uno su cinque passa ore e ore su Twitter o Facebook. Cifre che salgono con il diminuire dell’età delle persone intervistate. Al di sotto dei vent’anni ci sono oltre un milione di web addicted, divisi tra maniaci dei social network e degli smartphone. E a sorpresa la tendenza si manifesta con più forza tra le donne.

Libri, “Banda stretta” di Francesco Caio

Recensione di David Di Luca
Il volume è disponibile su Amazon.it

Ecco un pregevole volume a firma di qualcuno che di Internet e reti in genere ne ha masticata parecchia, visto che è stato consulente e dirigente di aziende del settore e dello stesso governo italiano.

In un linguaggio piano e semplice, alieno da ogni tecnicismo, il buon Caio ci parla in questo libro dell’importanza di avere un’Internet veloce per non rimanere tagliati fuori dal resto del mondo, e dalle opportunità di sviluppo che sicuramente i fiumi di dati in circolazione porteranno nei prossimi decenni.

Altrove ci si è organizzati. Nel nostro paese un po’ meno, perchè pochi si vogliono sobbarcare i costi degli scavi per la posa dei cavi necessari alla banda larga. Si tratta di un calcolo economico, che però, secondo Caio (e non solo secondo lui) non prende in considerazione i ritorni in termini economici e di sviluppo, sicuramente molto superiori alle spese.

Insomma, vale la pena di conoscere l’opinione in merito di questo simpatico (e modesto) signore.

Hacker ‘buca’ rete Playstation, almeno una settimana per ripartire

Di Redazione

Ci vorrà almeno una settimana prima che riapra il Network della Playstation. Lo ha reso noto la Sony, dopo che un hacker è riuscito a penetrare la rete, rubando una massa enorme di dati. La Sony non ha escluso che il pirata informatico si sia appropriato anche delle coordinate di un numero imprecisato di carte di credito.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: