Rallentare il ritmo

“Work smart, not hard”, “lavora furbo, non duro”. Un messaggio non facilissimo da digerire in questi tempi cosí frenetici, Siamo letteralmente inseguiti dagli impegni. Quante volte ci siamo ritrovati a pensare che servirebbe una giornata di 48 o perfino 72 ore per riuscire a “fare tutto?”. E poi ci siamo mai domandati cosa sia davvero questo “tutto”?

Qualcuno potrá dire: ma lavorare sodo é una virtú. Certo che lo é. Non si raggiunge nulla senza impegnarsi. Ma, ugualmente, ogni tanto bisogna mettere le cose in prospettiva.

Occorrono venti minuti di quiete ogni giorno. Se siete oppressi da una programmazione che sembra non lasciarvi requie, decidete ugualmente di prendervi questi minuti, in cui non farete assolutamente nulla  se non imparare a sgomberare le mente dal rumore di fondo. Inizialmente vi sembrerá tempo perso. Poi, improvvisamente, vi accorgerete che vi sentite piú lucidi, che cominciate a capire che cosa volete esattamente dalla vita. E puó darsi che vi troviate a pensare a quei venti minuti come ad un ottimo investimento.

Chi ha tempo non aspetti tempo

Per approfondire:
Time management. Accrescere la propria produttività ed efficacia
Gestire bene il tempo di lavoro. Strategie di time management di David Fontana
Time management. Come organizzare al meglio la propria settimana di lavoro di Marion Haynes
Il manuale tascabile di time management

Nonostante io non sia certo un campione nel raggiungere obiettivi, noto che spesso amici e colleghi mi domandano come faccio a combinare così tante cose, tipo lavorare a tempo pieno, e poi gestire una decina di siti internet, e poi scribacchiare libri, e poi anche vivere: uscire, fare le cose che tutti facciamo.

Bè, diciamo che da quando cominciai con il multivello, ormai molto tempo fa, mi ha catturato subito il concetto di gestione del proprio tempo. Ammmetto che all’inizio lo trovavo un concetto un po’ stressante. Per me programmare il tempo era collegato all’idea di correre di quà e di là. Il che contrasta con la mia innata pigrizia (sì, perchè io sono tendenzialmente un pigrone).Senza contare che allora l’organizzazione mlm di cui faccio parte era molto improntata ai risultati immediati.

Però… però qualcosa dentro di me quasi mi obbligò a continuare nell’approfondimento del time management. E mi sono reso conto che in realtà organizzare il tuo tempo ti libera, piuttosto che imprigionarti. Sapere quello che dovrai fare il giorno dopo, quello dopo ancora, e magari c’è anche chi programma l’intero anno, ti libera dallo stress. E ti consente anche di riflettere su quello che stai facendo. Il che non è da buttar via.

Allora, compriamocela questa agenda. Anzi, ancora più semplice: prendiamoci un foglio, una penna, e scriviamo subito il programma di domani:

Domani è il__________________

7.____________

8.____________

9._____________

10.______________

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: