La cicogna arriva in vacanza

Estate-gravidanza

A quanto pare le vacanze estive conciliano il romanticismo, almeno tra le donne inglesi; è diventata una tendenza da studiare, infatti, l’attitudine delle britanniche a concepire un bebè in vacanza. Lo rivela un’indagine su un campione di 2000 britannici, dalla quale emerge che quasi una neomamma su 5, ovvero il 18% del totale, è rientrata dalle ferie in dolce attesa. I luoghi più amati? Spagna, Gran Bretagna, Francia, Italia e Portogallo.

Fin qui, tutto regolare. A preoccupare è il fatto che questo comportamento sia una sorta di emulazione delle star, ovvero voler seguire le orme dei vip, ad esempio il Principe William e gentile consorte, che hanno concepito il loro erede proprio durante il periodo di relax (la domanda è, vivono anche periodi di stress?).

E siccome gli inglesi sono un popolo di gossippari, sarebbero stati ispirati in questo ‘meccanismo’ anche dalle esperienze dei Beckham; ricordate che il  figlio è stato chiamato Brooklyn in onore del borough newyorchese che ha ospitato la loro impresa? Per non parlare della cantante Beyoncè che ha concepito la primogenita a Parigi e della showgirl Kim Kardashian che si è data da fare a Roma. Auguri e figli sani!

Coldiretti, italiani a dieta e acquisti in calo

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

dieta-estate-QY75La famigerata prova costume si avvicina e il rituale che ogni anno si celebra con l’approssimarsi dell’estate spinge quasi 17 milioni di italiani a mettersi a dieta. E’ quanto emerge dal rapporto Coldiretti/Censis divulgato in questo giorni. Tra le novità emerse dal documento c’è il fatto che i nostri connazionali sono più in forma che in passato. Negli ultimi tre anni infatti si è verificato un calo sensibile del numero di persone in sovrappeso. Tuttavia, oltre quattro italiani su dieci (43%) bisticciano ancora con la bilancia, lamentando qualche chilo di troppo e in certi casi denunciando addirittura un’obesità grave, soprattutto tra gli uomini. La crisi economica ha drasticamente ridotto i consumi di olio ( meno 8%), vino (meno 7%), carne bovina e di maiale (rispettivamente 6% e 5 %) e pesce (5%); in calo anche gli acquisti di frutta e verdura, anche delle insalate pronto uso.

Trucco in spiaggia, arriva l’ok dei dermatologi

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

bmakeup13Essere belle sotto il sole si può, anzi si deve. E’ quanto certifica uno studio dell’American Academy of Dermatology secondo cui utilizzare uno specifico make-up da spiaggia, con fondotinta, fard, ombretti e matite, può aiutare la pelle a proteggersi dai raggi solari, purché si utilizzino prodotti con la protezione giusta per il proprio fototipo.

Merito dei filtri aggiuntivi, sempre più risolutivi nella lotta contro il cancro della pelle; consigliato dunque il fondotinta, nella formulazione preferita, liquido, in crema o in polvere, adatto soprattutto nei primi giorni, quando la pelle è ancora chiara e mostra qualche imperfezione. Per le labbra, invece, sono indicati rossetti e stick ad alta protezione ultravioletta che prevengono l’herpes labiale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: