“Tu puoi!” il nuovo libro di Mario Furlan

Di David Di Luca

furlan_tu_puoi

Il volume è disponibile su Amazon.it

Mario Furlan non ha certamente bisogno di presentazioni. Giornalista con presenza multimediale, organizzatore di attività sociali che si occupano degli ultimi come i City Angels, ma anche formatore e motivatore. Proprio in quest’ultima veste ha scritto questo libro dal titolo Tu puoi! 

Come ci si può aspettare da Mario, non è un libro del tipo “è tutto facile, spingi questo bottone’. Al contrario, Furlan mette in queste pagine tutta la propria esperienza, dicendoti: nella vita ci sono delle difficoltà, ma è proprio confrontandosi con queste che si diventa forti e si ottengono risultati e soddisfazioni.

Il risvolto di copertina definisce il libro “un pugno nello stomaco”. E a volte proprio di quello c’è bisogno per svegliarsi dal torpore che spesso ci porta a dare la colpa di una situazione agli altri, mentre siamo sempre e comunque noi ad essere responsabili, cioè capaci di rispondere a tutto quello che ci succede.

Tutti gli infoprodotti che creerò nel 2013 a soli 14,70 euro se li prenoti entro il 28 febbraio!

Un guest post di Giancarlo Fornei, www.giancarlofornei.com

Foto di Giancarlo ForneiVolevo informarti che puoi prenotare tutti gli infoprodotti che creerò nel corso del 2013 con soli 14,70 euro!

A partire da fine febbraio, e per i prossimi mesi del 2013, pubblicherò altri 10 infoprodotti. Per la precisione, pubblicherò un nuovo infoprodotto ogni mese. Il primo, appunto, sarà messo in vendita a fine febbraio.
Ecco l’elenco di tutti e 10 i nuovi infoprodotti che prenderanno vita nel 2013:

1. Come comunicare in maniera efficace (ebook) – valore 4,97 euro;
2. Come imparare a trattare con la gente (ebook) – valore 4,97 euro;
3. Come sostituire un pensiero negativo con uno positivo (mp3) – valore 1,97 euro;
4. Strategie per creare redditi online (ebook) – valore 4,97 euro;
5. Come convincere qualcuno usando volutamente la negazione “non” (mp3) – valore 1,97 euro;
6. L’arte del saper vendere (ebook) – valore 4,97 euro;
7. Come dare comandi positivi a tuo figlio evitando la negazione “non” (mp3) – valore 1,97 euro;
8. Come usare le domande potenzianti per ottenere dei cambiamenti (mp3) – valore 1,97 euro;
9. Come usare le leve motivazionali “Via da” e “Verso” a proprio vantaggio (mp3) – valore 1,97 euro;
10. Come ristrutturare il fallimento (mp3) – valore 1,97 euro.

Il valore di mercato totale di tutti e 10 gli infoprodotti è di 31,70 euro (ma se hai già acquistato in passato, sai bene che il valore reale dei miei infoprodotti è decisamente maggiore).

Sino al 28 febbraio puoi prenotare tutti e 10 gli infoprodotti, pagandoli anticipatamente soli 14,70 euro.

Ma non basta: chi acquisterà anticipatamente i miei infoprodotti, dandomi pertanto fiducia, riceverà in OMAGGIO una sessione di coaching telefonica di 30 minuti del valore di 90 euro!

Insomma, con meno di 15 euro, ti porti a casa un valore di oltre 120 euro…

Quando riceverai gli infoprodotti?

A partire dal 1 marzo, ogni mese ne riceverai uno comodamente nella tua casella di posta elettronica. Mentre la sessione potrai farla quando vuoi (a tuo carico la telefonata).

Prenota subito gli infoprodotti del 2013 a questo link, dove potrai effettuare il pagamento con paypal (transazione sicura con carta di credito).

Laddove non hai carta di credito o vuoi pagare con bollettino, bonifico bancario o postapay, scrivimi a questo indirizzo email: info@giancarlofornei.com

Ma ricorda: le prenotazioni saranno valide solo per pagamenti arrivati entro e non oltre il 28 febbraio 2013.

Un grande abbraccio e che il 2013 possa essere ricco di opportunità!
Giancarlo Fornei

Mano bionica con senso del tatto, il trapianto a Roma

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

manoE’ un intervento senza precedenti nella storia quello che avverrà nei prossimi mesi a Roma, dove verrà impiantata la prima mano bionica col senso del tatto. Lo ha annunciato Silvestro Micera, ricercatore italiano dell’Ecole Polytechnique Federale di Losanna, al meeting della American Association for the Advancement of Science in corso a Boston.

Il primo paziente dovrebbe essere un ragazzo di 20 anni che ha perso la mano in un incidente. L’arto sarà collegato al sistema nervoso del paziente con degli elettrodi, connessi a due dei nervi principali del braccio, il mediano e l’ulnare, e oltre ad essere controllata con il pensiero dovrebbe inviare, tramite sensori sulla superficie, anche i segnali relativi al tatto.

Maggiori sono le sensazioni che un amputato ha dall’arto più grande è la sua accettazione – ha spiegato Micera – questa potrebbe essere una nuova e più efficace soluzione clinica per questi pazienti entro pochi anni“.

Il mattino ha l’oro in bocca (e fa bruciare calorie)

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

attività-fisica-11La lotta contro i chili di troppo passa anche da una corretta “gestione” della fame. Quando l’organismo funziona a dovere, lo stimolo dell’appetito è fisiologicamente connesso al bisogno del nostro corpo di assumere sostanze nutritrive di cui, in quel momento, c’è carenza. Ma quando la fame è “solo” un riflesso che quasi ci obbliga a mangiare in maniera spropositata (senza ottenere alcuna soddisfazione), il discorso si fa più complicato; allora può essere d’aiuto svolgere attività fisica per distogliere la mente. A quanto risulta da una ricerca pubblicata su Medicine and Science in Sports and Exercise, compiere esercizi al mattino ci permette di contenere l’appetito. Non solo, ma prepara il nostro corpo ad accogliere meglio il cibo, ossia a bruciare calorie con più efficacia. La scoperta è stata fatta dai dottori James LeCheminant e Michael Larson, ricercatori della facoltà di Scienze Motorie alla Brigham Young University, che hanno valutato con EEG, l’attività cerebrale di 35 volontarie (normopeso e obese) messe di fronte a immagini di cibi o altro, dopo essersi o meno allenate al mattino. Ebbene, dopo essersi allenate al mattino le partecipanti hanno mostrato risposte cerebrali meno marcate di fronte al cibo e dai questionari è emerso che l’attività fisica al mattino aveva spinto tutte, obese e non, a muoversi di più nel resto della giornata.

Diabete, colpa dell’infiammazione del fegato

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

diabeteE’ senza sosta il lavoro dei ricercatori che da anni cercano di far luce sui malattie come il diabete; l’ultima scoperta importante è legata all’infiammazione del fegato, che potrebbe essere l’innesco del diabete di tipo II.

Tutto sarebbe legato al funzionamento di un proteina, il Rankl, una citochina coinvolta nei meccanismi infiammatori; essa funziona legandosi al suo recettore Rank, presente sulla superficie delle cellule del fegato e su quelle beta del pancreas (le produttrici dell’insulina).

Ed è proprio questa reazione a provocare insulino-resistenza nel fegato e la necrosi delle cellule beta del pancreas.

La scoperta, risultato di ricerche condotte nell’arco di una ventina d’anni da vari gruppi europei, compresi gli italiani dell’ospedale di Brunico (Bolzano) e delle università di Verona e Cattolica del Sacro Cuore (Roma), è stata pubblicato on line first sulla rivista Nature Medicine.

Elevate concentrazioni di Rankl conferiscono un aumento del rischio pari al 300-400% di ammalarsi di diabete e danno una maggiore insulino-resistenza. Livelli elevati di Rankl si riscontrano anche nelle malattie cardiovascolari, nelle fratture, nel mieloma multiplo, nell’artrite reumatoide, nella psoriasi, nell’osteoporosi e nelle malattie infiammatorie intestinali.

Influenza, tutti i miti da sfatare

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

influenzaAmmettiamolo, i decaloghi non sempre servono a qualcosa, ma in questo caso ne segnaliamo uno ad hoc per prevenire e curare l’influenza, che proprio in questi giorni sta avendo il picco massimo di epidemia. Non si tratta di regole da eseguire, ma di miti da sfatare, o al contrario di considerazioni da sostenere. Pronti per il fuoco di fila?

E’ falso che mangiare sano ci aiuti a prevenire l’influenza (quando arriva, arriva), così come è falso pensare che la vitamina C aiuti a guarire; certo, male non fa, ma mangiare una tonnellata di arance non servirà a proteggerci dal bacillo. Sciarpe e cappelli sempre a portata di mano? Neanche per idea, perché “coprirsi bene” è ininfluente ai fini della prevenzione (invece bisognerebbe evitare gli sbalzi termici troppo forti).

Cosa fare allora per rendere la vita difficile ai virus? Lavarsi spesso le mani, evitare i luoghi affollati e gli ambienti comunitari, stare lontano da chi è malato (niente eccessi, mi raccomando, ma solo un po’ di attenzione in più).

E a quelli che si rimpinzano di medicine cosa diciamo? Che la medicina non può curare i virus, ma i sintomi più fastidiosi dell’influenza sì e poiché c’è il rischio che possano aggravarsi con il passare del tempo, assumere dei farmaci sintomatici non è una cattiva idea.

E poi, poche scene: di influenza si parla solo in presenza di febbre e dolori articolari e ossei; mettersi a letto per un raffreddore è solo comodo, ma non risolutivo. Ultimo tabù da sfatare: sono i giovani ad ammalarsi di più, ma gli anziani hanno le complicanze più pesanti.

Il pensiero positivo? Uno stile di vita per Giancarlo Fornei…

Un guest post di Giancarlo Fornei

Foto di Giancarlo ForneiIl pensiero positivo è molto più di una filosofia di vita, di una tendenza.

Il pensiero positivo è un vero e proprio stile di vita, che cambia profondamente le persone.

Il pensiero positivo, sano e realista, come piace a me, aiuta le persone a guardare avanti e superare i tanti momenti grigi e brutti della propria esistenza.

Mi piace immaginare il pensiero positivo come un frullato composto da: ottimismo, capacità di sdrammatizzare, ironia e pragmatismo.

Il pensiero positivo all’italiana, per intenderci quello con i piedi per terra, è molto più pragmatico di quanto tu possa pensare.

Fatto di azioni pratiche ogni giorno.

Da ripetersi nel tempo, con costanza.

Quando abbracci il pensiero positivo, abbracci un vero e proprio stile di vita diverso.

Quando abbracci il pensiero positivo devi cambiare il tuo modo di pensare, e se cambi modo di pensare…
Cambi anche la tua vita, in meglio.

Giancarlo Fornei

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: