Film, Un americano a Roma

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com 

Il film è disponibile su Amazon.it 

m-unamaricanoaromaDieci anni fa moriva Alberto Sordi. Non avrebbe dovuto, e lo sapeva. Fortuna che ci sono restati i suoi film, una galleria di personaggi unici di cui scegliamo l’esemplare più raro.

Quella di Nando Mericoni è una storia lunga e fortunata. Apparso per la prima volta nel 1953 nel film a episodi, Un giorno in pretura, catturò subito l’attenzione del pubblico per i suoi modi rudi e pasticcioni, tanto che quella gran volpe di Steno, intuendo le grandi qualità di quel personaggio sopra le righe, decise l’anno dopo di trasformarlo nel protagonista assoluto di uno dei suoi cult supremi, Un americano a Roma.

Con una trama cucita su misura per la debordante carica comica di Sordi,  la commedia non poteva non essere strepitosa, un congegno a orologeria, un trionfo di risate e situazioni esilaranti. Se in Un giorno in pretura, Nando si divertiva a nuotare nella marana, tipico acquitrino che si trovava nelle zone periferiche della Capitale, imitando il fusto Weissmuller con un tronco d’albero (“America’, facce Tarzan!“), nella pellicola del 1954 scopriamo la biografia di questo scansafatiche trasteverino rigorosamente a carico di mamma e papà (entrambi disperati).

Senza arte né parte, Nando scorrazza con la fidanzata Elvy (Elvira, naturalmente, interpretata dalla deliziosa Maria Pia Casilio), disturba il prossimo, prova un’improbabile carriera nel mondo dello spettacolo, fa le ore piccole al cinema, tende agguati a sperduti turisti texani e, infine, tenta il colpo da maestro (minacciare di buttarsi dal Colosseo se  non lo avessero messo in condizioni di partire per gli USA) pur di regalarsi la realizzazione di un sogno.  Lo stesso che da quasi 60 anni regala a noi umili spettatori, perdutamente innamorati di Alberto Sordi.

Info David Di Luca
http://w http://faiunpassoavanti.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: