Mommilk, il latte senza rischi per i prematuri

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

Se un tempo nascere prematuri rappresentava una condanna a morte quasi sicura, oggi la situazione è decisamente migliorata. Con le nuove tecnologie e i reparti ospedalieri specializzati, i neonati prematuri sopravvivono e, una volta passato il periodo critico, possono crescere senza problemi. A partire dal mese di gennaio del 2013 sarà attivato un servizio di grande utilità ed interesse, rivolto proprio ai piccoli venuti al mondo anzitempo. Si tratta di Mommilk, ovvero la raccolta di latte materno controllato, pastorizzato e congelato per nutrire senza rischi i prematuri. Il servizio, nato all’interno di Alimenta, l’incubatore d’impresa del Parco Tecnologico Padano, con sede a Lodi, verrà fornito a richiesta a tutte le terapie intensive neonatali d’Italia. Come funziona esattamente? Il latte viene raccolto da tutte le ‘banche’ nazionali e viene trattato in un impianto di pastorizzazione da 40 litri l’ora; portato a 72 gradi per 15 minuti, sarà poi stoccato, congelato, in catena del freddo controllata e certificata, e inviato a qualsiasi terapia intensiva neonatale lo richieda, con un costo di 70-80 euro al litro. Finanziato con un investimento fatto dalla società farmaceutica Dicofarm, Mommilk riguarderà nella sua primissima fase riguarderà la Lombardia, ma sarà via via sperimentato in tutte le regioni d’Italia, per poi arrivare anche in Europa.

Info David Di Luca
http://w http://faiunpassoavanti.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: