> L’uomo da battere

Di David Di Luca, www.enxerio.com/david

Si sente spesso dire che viviamo in un mondo competitivo. A momenti si ha anche l’impressione che chi arriva secondo sia già nel mucchio degli ultimi. Personalmente, sono convinto che un po’ di sana competizione non guasti, come del resto ogni stimolo che ci porta a migliorare.

Credo che il conquibus stia proprio qui. Al momento in cui davvero ci si convince che che il secondo è già ultimo, la competizione si trasforma, e da stimolo diventa fonte di frustrazione. Cioè, l’esatto contrario di quello che ci serve.

Quindi, bisogna rinunciare all’idea? Penso di no. Avere dei modelli è certo importante, e le mete ambiziose ritengo siano più un bene che un male. Probabilmente sta tutto nel tenere gli occhi bene aperti. Nel verificare che il nostro avvicinarsi al modello che ci siamo scelti ci porti a stare meglio, e non peggio. Perchè in definitiva è possibile che l’uomo da battere sia il nostro io di oggi, nè più nè meno.

Info David Di Luca
http://w http://faiunpassoavanti.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: