> Cuore artificiale controllato da internet

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

Di cuori artificiali si è sempre parlato nel mondo della scienza, con esperimenti più o meno riusciti. Ma quello che è andato in scena all’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, in provincia di Milano, è un evento con pochi precedenti in tutto il mondo. E’ stato impiantato su di un paziente un cuore artificiale controllabile via internet, che viene quindi monitorato in tempo reale e a distanza. Artefice di questa innovazione l’equipe diretta dal dottor Ettore Vitali, responsabile del Dipartimento Cardiovascolare. Il paziente, un sessantacinquenne di Novara, è già a casa e le sue condizioni sono buone.

La nuova pompa è stata impiantata all’apice del ventricolo sinistro e lo aiuta a svuotarsi, immettendo poi il sangue nell’aorta; essa è la parte principale di un sistema che comprende un cavo di collegamento con l’esterno, le batterie ed una consolle che funge anche da caricatore per le batterie.

Questo tipo di cuore artificiale è molto leggero e sta in una mano e rappresenta un ottimo modo di risolvere una crisi acuta, in attesa del trapianto vero e proprio, o una soluzione in grado di garantire una buona qualità di vita se lo scompenso cardiaco non è gravissimo.

Finora questo cuore artificiale dotato di telemetria è stato impiantato in 18 pazienti in tutto il mondo e Humanitas è il primo ospedale italiano a sperimentare questa tecnica innovativa.

>Parti prematuri, il fattore smog

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

Versione Audio

Il rischio di parto prematuro cresce fino al 30% in presenza di smog eccessivo. E’ quanto sostiene uno studio californiano pubblicato sulla rivista Environmental Health, dimostrando il nesso tra l’esposizione all’inquinamento e una lunga serie di complicazioni legate alla gravidanza, quali il parto pretermine e la nascita di bambini sottopeso.

A supporto di questa analisi, i ricercatori dell’Università della California hanno condotto un vasto studio epidemiologico nella contea di Los Angeles, tra le città più inquinate degli Stati Uniti. Sono stati presi in considerazione in particolare i dati relativi a 100 mila bimbi nati tra il 2004 e il 2006, in un raggio di otto chilometri dalle stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria.

Le informazioni ottenute sono state incrociate con i dati relativi allo smog rilevato dalle centraline. Tra i fattori più pericolosi ci sono gli idrocarburi policiclici aromatici, responsabili del parto prematuro al pari di benzene, polveri sottili e nitrato d’ammonio, in percentuali variabili.

Le concentrazioni di queste sostanze si sono rivelate maggiori nel periodo invernale e minori nelle aree più vicine al mare. Cauti gli studiosi italiani sui risultati del test. Servirebbero infatti ulteriori approfondimenti per capire se l’inquinamento causi variazioni biochimiche e metaboliche a livello di utero e placenta (22NOV11)

> Con la crisi economica che c’è in giro, saper risparmiare anche un euro è utile più che mai…

Un guest post di Giancarlo Fornei, www.giancarlofornei.com

Noi te ne facciamo risparmiare subito sei!
In comune accordo con David Di Luca, mio socio internettiano e co-autore dell’ebook Gestire I Soldi, abbiamo deciso di abbassare il prezzo di questo ebook, portandolo da 15 a soli 9 euro.
Riteniamo che in un momento difficile come questo, con la crisi economica che c’è in giro, saper risparmiare anche un solo euro, sia più utile che mai!
Pertanto, abbiamo deciso di rendere, ancor più alla portata di tutti, questo ebook, che con orgoglio è stato recensito anche su Millionaire di luglio 2010.
A scando di equivoci, l’ebook non insegna a fare i soldi (tranne un capitolo dove insegnamo a creare rendite complementari, sulla base delle nostre esperienze specifiche).
Così come non ti darà ricette magiche per diventare, improvvisamente, ricco!
No! Non è stato scritto per quel motivo.
All’interno delle sue 103 pagine, troverai consigli semplici e pratici, che sia io sia David abbiamo messo in pratica nella nostra vita, per cominciare, da subito, a risparmiare.
Entrambi, vogliamo che il maggior numero di persone possano conoscere come migliorare finanaziariamente la propria vita.
Siamo dell’avviso che queste cose dovrebbero essere insegnate a scuola, ma dato che al momento è solo un’utopia, ci abbiamo provato io e David, a descriverti, con parole semplici, cosa dovresti conoscere per imparare, poche e banali cose, che potrebbero migliorare anche la tua vita dal punto di vista finanziario.
Credici, questi saranno i nove euro meglio spesi della tua vita.
E se così non fosse, siamo pronti a rimborsarti tutti i soldi, senza chiederti neppure il motivo.
Che cosa hai da perdere? E se invece, quei banali consigli che trovi nell’ebook, potrebbero risultarti utili?
Il sommario dell’ebook:
* Premessa (pag. 8); * Il barattolo di marmellata (pag. 13); * Il libro che ha cambiato la mia vita finanziaria (pag. 16); * La mente dei ricchi (pag. 18); * La conoscenza paga sempre (pag. 30); * L’importanza del Cashflow (pag. 38); * Paga prima te stessa/o (pag. 45); * La tecnica dei cinque salvadanai (pag. 49); * Risparmia più di quanto spendi (pag. 55); * Taglia le carte di credito (pag. 62); * Fai solo debiti attivi (pag. 64); * Crea delle forme di reddito complementari (pag. 74); * Conclusioni, libri e link consigliati (pag. 97); * Chi sono Giancarlo Fornei e David Di Luca (pag. 101).
Acquistalo ora, con fiducia, a questo link http://www.giancarlofornei.com/new/paypal_gestire_soldi.asp?affiliato=GiancarloFornei
Un grande abbraccio

> Nasce per la prima volta una biblioteca interamente dedicata alla disabilità

Fonte: Ledha

Il cinema e la letteratura dedicata al mondo dei disabili hanno finalmente la propria casa. Grazie alla Regione Lombardia, Bando Associazionismo, la LEDHA ha realizzato il progetto “La mediateca cresce: dal cinema alla letteratura”: presso gli uffici di Milano della Lega per i Diritti delle Persone con Disabilità, accanto alla Cineteca da oggi è infatti presente la Mediateca libri, una vera e propria biblioteca con circa 100 volumi dedicati alla disabilità. Torna così a splendere la Mediateca, il servizio nato negli anni ’80 che comprende la raccolta ed il prestito di materiale audiovisivo e multimediale dedicato all’handicap.

Non solo film, dunque. La grande novità è rappresentata proprio dalla possibilità di consultare numerosi libri e romanzi che trattano il tema delle differenti realtà vissute dalle persone disabili. Negli scaffali della biblioteca trovano posto soprattutto romanzi d’autore e vengono privilegiati la narrativa ed il racconto. Attenzione particolare è riservata alla letteratura per l’infanzia, con libri che fanno conoscere al più piccoli i temi della diversità/disabilità. La consultazione e il prestito dei volumi è gratuita: è sufficiente iscriversi annualmente alla Mediateca.

L’obiettivo della Mediateca libri è dunque quello di raccogliere nel tempo il maggior numero di testi che raccontano la disabilità, cercando inoltre di diffondere le opere di autori che difficilmente trovano spazio negli scaffali delle grandi librerie. La LEDHA organizzerà incontri, letture pubbliche e presentazioni nei propri uffici di via Livigno,2 o presso biblioteche e librerie sensibili a queste tematiche. La LEDHA offre, inoltre, la possibilità agli aspiranti scrittori e agli amanti della lettura di recensire un libro.

I lavori, che saranno poi pubblicati sulla testata on-line www.personecondisabilita.it , possono essere inviati a mediateca@ledha.it L’altro grande obiettivo della Mediateca Libri è quello di raggiungere il prima possibile la fama della Mediateca, ritenuta la maggiore Cineteca sulla disabilità in Italia e tra le più importanti e ricche d’Europa.

> Novembre, mese del benessere gastrointestinale

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

Versione Audio

Un italiano su quattro soffre di difficoltà digestive, bruciori di stomaco, gonfiore addominale e stitichezza; disturbi gastrointestinali strettamente legati ad abitudini di vita non proprio sane. Per dare una mano a risolvere questi inconvenienti fastidiosi dal primo di novembre è partita una campagna di informazione sostenuta da farmacie Apoteca Natura e dalla Società di Medicina Generale (SIMG).

Basterà sottoporsi ad un semplice test, messo a punto dai medici di famiglia, presso le 500 farmacie Apoteca Natura sparse in tutta Italia, per individuare con precisione quali siano i nostri effettivi disturbi e stabilire la cura più appropriata per risolverli. Il farmacista quindi fornirà tutti i dati necessari e gli strumenti per un’automedicazione consapevole, ricorrendo solo se necessario all’aiuto delle piante medicinali.

L’importante è che si utilizzino rimedi di qualità. Non sempre il termine “naturale” è sinonimo di sicuro; l’etichetta va scrupolosamente controllata per essere certi di assumere il quantitativo giusto delle sostanze attive.

> “Storia di una storia senza storia” – Prologo

Di David Di Luca

Cominicio a pubblicare i capitoli di un romanzuccio che sto buttando giu da diverso tempo. Spero vi garbi. D.

La signoria vostra mi perdonerà se ho tardato così tanto nell’inviarle questa relazione sul singolare caso di Sergio Dal Bo. Creda che non si è trattato di mancanza di volontà. Piuttosto, ho riscontrato che era assai laborioso comporre in un unico quadro tutte le informazioni in mio possesso. Ogni volta che ritenevo di esserci riuscito — di aver compreso il significato della sua vicenda — ecco che mi si presentava non una sola possibile interpretazione differente — ma decine, centinaia, migliaia. Senza che peraltro ci fosse il minimo indizio che mi aiutasse a decidere quale fosse quella giusta, o quantomeno se ce ne fosse una più corretta delle altre — tutte apparivano esatte — nessuna conclusiva. 

Quindi, la signoria vostra comprenderà come per lungo tempo io sia rimasto indeciso sul dal farsi. Alla fine, ho pensato di presentarle i dati che ho raccolto non in modo organico, ma un po’ secondo l’ordine temporale, un po’ secondo le relazioni che tenevano un dato insieme all’altro. Ne è risultata una composizione alquanto strana — ma, spero, non priva di interesse.

> 11 novembre, giornata per la ricerca sul cancro

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

La ricerca corre. Per nostra fortuna. Questo è il tema principale scelto per la Giornata per la ricerca sul cancro dell’AIRC, l’Associazione Italiana per la ricerca sul Cancro, che si terrà venerdì 11 novembre in tutta Italia. Asso nella manica nella lotta contro questa patologia c’è l’avvicinamento sempre maggiore tra le varie scienze che si occupano dello studio della malattia, ovvero medicina, chimica, fisica, biologia, ingegneria e informatica.

Non solo, ma si è accorciata progressivamente la distanza fra i test effettuati in laboratorio e cura effettiva. Questo vuol dire che in tempi relativamente brevi un paziente può usufruire dei benefici della ricerca. Del cancro si sanno molte cose, ad esempio che non esiste una forma unica di tumore, ma bisogna affrontare diverse tipologie di una stessa malattia di volta in volta e che la si può colpire trovandone il tallone d’Achille, il punto debole molecolare.

Ecco quindi l’arrivo di farmaci che intervengono ad hoc sul tessuto ammalato, con interventi mirati e certosini effettuati attraverso le nanotecnologie. Inoltre, lo sviluppo del tumore dipende dall’interazione con l’ambiente in cui si trova, dalle caratteristiche metaboliche del paziente o dalla presenza di processi infiammatori in corso.

Altra frontiera prima minimanente concepibile è quella sulle cellule staminali del cancro, studiate per essere neutralizzate o usate a loro volta come arma contro la malattia. Per avere maggiori informazioni sulla Giornata e le iniziative: http://www.airc.it/

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: