> I pericoli dell’inquinamento

Di Francesca Fiorentino, www.enxerio.com

Tempi duri per la qualità dell’aria. Che le nostre città fossero avvolte da una spessa nube di smog lo sapevamo, ma quest’anno l’inquinamento si è manifestato con una maggiore velocità e soprattutto con una nuova varietà di polveri e agenti inquinanti. Già alla fine di settembre le centraline milanesi hanno fatto registrare un aumento considerevole dei livelli di attenzione, mentre nello stesso periodo Torino ha conquistato il poco invidiabile primato di città più inquinata d’Italia.

Dati poco confortanti quindi in previsione di una stagione invernale che normalmente si presenta difficile in termini di inquinamento, visto che le nostre città sono prese d’assalto dalle macchine e dai motorini. Sono stati i ricercatori dello studio TOSCA, organizzato dall’equipe del centro Polaris-Università Milano Bicocca, a mettere a fuoco le differenze fra le polveri estive e quelle invernali, dando ampio risalto ad una situazione che rischia di diventare insostenibile nei prossimi mesi.

L’equipe universitaria ha valutato le concentrazioni e la composizione del PM 10 nelle diverse stagioni, analizzando gli effetti sulla salute dei picchi di inquinamento.

Ad esempio in estate le polveri sono più ricche di batteri che fanno riacutizzare le malattie respiratorie, mentre in inverno le polveri derivano dal traffico e dai riscaldamenti. Come difendersi da questi assalti allora?

Quando è possibile, bambini e anziani dovrebbero evitare di uscire nelle ore di punta, e i bambini che ancora non camminano andrebbero portati a spasso nello zaino o nel marsupio, e non nel passeggino. Patiti del fitness, poi, evitate di correre e fare sport all’aria aperta con il bel tempo. Meglio mettersi al lavoro quando ha smesso di piovere, cioè quando l’atmosfera è stata ripulita.

Anche in casa bisogna mantenere alta l’attenzione. Se si usano condizionatori e umidificatori si devono sostituire periodicamente i filtri, mentre in cucina bisogna evitare quei tipi di cottura, come la frittura, che inquinano l’ambiente.

Info David Di Luca
http://w http://faiunpassoavanti.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: