Sfigati in dieci facili mosse – 4. Come usare i mezzi di informazione per impanicarsi

Negli articoli precedenti, abbiamo posto le basi per un solido senso di sfiga. Questo,se vogliamo, è un esercizio in più per coloro che veramente vogliono diventare campioni di sfortuna. Richiede un attimo di impegno in più, ma i risultati sono davvero strabilianti.
Prima di tutto, non date ascolto a quelli che vi dicono che giornali, telegiornali e compagnia cantante ingigantiscono gli avvenimenti negativi per vendere e/O fare audience. Intanto, non è sempre vero. E voi che ne sapete quando è vero e quando no!? In secondo luogo, a noi interessa il risultato. E il risultato è che concentrandosi sui fatti più sgradevoli e angosciosi che troviamo aumentiamo di parecchio il nostro livello di sfiga con uno sforzo davvero minimo. Cercate naturalmente i mezzi che trattano cronaca sanguinolenta, che è la migliore, o, per i più “impegnati”, qualche giornale o programma radio-tv particolarmente fazioso e risentito.

  • Se avete tempo e voglia. ritagliate le notizie più nefaste che trovate e incollatele su un bell’album tipo quello per le fotografie, da portarvi appresso. Quando scrivo questo post (ottobre 2008) son molto buoni gli articoli che parlano di recessione, crisi economica, famiglie che non arrivano alla fine del mese. Tanto meglio se queste ultime somigliano alla vostra. Ma naturalmente sono solo esempi. Vanno bene anche cicloni, tsunami, guerre e guerricciole, gente che fa strage nelle scuole americane e finlandesi etc. etc.
  • Altro tipo di notizie che ci possono venire buone sono quelle su gossip e dintorni, Come, direte voi. Ma se sono notizie piacevoli, carine, che a volte addirittura ti fanno sognare. Eppure, con un po’ di creatività, possono servirci anche queste. Basta pensare alla vita che fanno questi personaggi paragonata alla vostra. Vi garantisco che il vostro senso di sfiga ne trarrà grande giovamento. Soprattutto quando vi troverete a considerare che voi, con il vostro talento, conducete un’oscura esistenza, mentre quello/quella sicuramente è dove è perchè, diciamocelo, l’ha data/dato a qualcuno.

Ah, dimenticavo: naturalmente dovete avere o crearvi la ferrea convinzione che “voi” non potrete “mai” diventare come “loro”. Altrimenti non serve a nulla.

Info David Di Luca
http://w http://faiunpassoavanti.wordpress.com/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: