L’arte del riciclaggio: ovvero come regalare un soprammobile e far felice un amico

Fonte: www.regali-di-natale.net

Stanno lì, davanti a voi, in tutto il loro splendore. Il soprammobile inutile, il foulard con la stampa a pois, l’orologio da parete con le conchiglie, oppure il disco di musica etnica che non avete mai ascoltato in vita vostra. Sono loro, i regali assurdi che abbiamo ricevuto (e in qualche caso fatto) nel Natale appena trascorso. Che fare di loro? Destinarli al cimitero delle cianfrusaglie o rimetterli in circolo come preziosa moneta di scambio?

Ebbene, secondo il moderno galateo, riciclare i regali non è più considerata attività disdicevole. Basta farlo con garbo e savoir faire. Il riciclo, spiega Lina Sotis, esperta di bon ton, non consente errori. Non deve mai sembrare un modo per liberarsi di qualcosa di brutto o inutile. Deve apparire come la scelta delle scelte. In fondo il riciclo è semplicemente un modo intelligente di dare a qualcuno qualcosa che gli assomiglia.

Il riciclo rozzo, senza pensiero ed attenzione, non va nemmeno preso in considerazione. Insomma, lasciate passare qualche giorno e scoprirete che quella candelina argentata, che non va d’accordo con il vostro arredamento, farà felice qualcuno vicino a voi, che sogna ancora una cena a lume di candela. Dovete solo decidere se dichiararlo o no. In tutti i casi mai mentire troppo spudoratamente. Parola di Sotis.

Corso di Reiki a Livorno

Il 2-3 Gennaio si svolge a Livorno un corso di Reiki 2° livello. Scarica la presentazione in Pdf

Natale, il regalo più venduto è il lettore di e-book

Fonte: www.regali-di-natale.net

Specchio specchio delle mie brame, qual è l’oggetto più venduto del reame? Ma il Kindle, ovviamente, e al quartier generale di Amazon possono certamente stappare lo champagne. Il lettore di e-book è stato infatti il presente più regalato nella storia dell’azienda di e-commerce. Ma i– dato forse ancora più interessante – il 25 dicembre sulla piattaforma creata da Jeff Bezos sono stati comprati più libri di bit che di carta.

Un sorpasso forse motivato dall’urgenza di ricevere immediatamente il titolo in questione, ma che nel contempo è la spia di un mercato in crescita: quello, appunto, dell’editoria digitale. Il giorno di picco è stato il 14 dicembre, quando i clienti hanno comprato 9,5 milioni di prodotti in 178 paesi, per una media di 110 al secondo. E non solo libri, ma anche ma anche dvd, gadget tecnologici, e oggetti di vario genere, perfino dolci.

Sul fronte elettronico, dopo il Kindle, i prodotti più acquistati tra il 15 novembre e il 19 dicembre sono stati l’iPod Touch da 8GB della Apple e il Gps Garmin Nuvi 260W. Nella categoria videogiochi troneggia invece la Wii Fit Plus con Balance Board, seguita da New Super Mario Bros e Call of Duty: Modern Warfare 2.

Le donne amano essere corteggiate

Guest post di Giancarlo Fornei, www.giancarlofornei.com

Lulù è una donna giovane, poco più di trentenne. Mi ha scritto una email molto bella, facendo riferimento ad un articolo che ho scritto tempo fa sul corteggiamento.

Ho la sensazione che il nome sia puramente di fantasia, ad ogni modo, l’email di Lulù è simpaticissima e meritava una mia risposta.

———————————————-
Le donne amano essere corteggiate
———————————————-

ciao Giancarlo, posso darti del tu? Ma sì, dai…
Chissà perchè mi ispiri fiducia. Ho appena finito di leggere il tuo articolo sul corteggiamento e volevo farti sapere che lo condivido in pieno.

Ho trentadue anni, una lavoro di responsabilità in un’azienda farmaceutica e mi considero una bella donna. Non hai idea di quanto mi piacerebbe incontrare un uomo come te.

A noi donne piace essere corteggiate, invitate a cena, ricevere rose rosse. Sentirsi importanti , al centro delle attenzione del nostro “lui”. Quello che scrivi è molto bello e mi fa pensare che tu sei un tipo romantico ed anche niente male (ho visto la foto). Sei libero per caso?

A parte gli scherzi, il problema caro Giancarlo, è che sei rimasto solo. Ma dove sono gli uomini ancora capaci di corteggiare una donna? Se li conosci, dagli pure il mio indirizzo email…

Lulù, Cesena

——————————————————–
Uomini che sapete corteggiare, battete un colpo
——————————————————–

Cara Lulù, grazie per tutti i complimenti che mi fai, sia per l’articolo sia per il “resto”.

Sono lusingato del fatto che vorresti incontrare un uomo come me ma, ahimè, dovrai metterti il cuore in pace: sono sposato.

Ma veniamo alla tua legittima domanda: ma dove sono gli uomini capaci di corteggiare una donna?

Purtroppo, la società di oggi (ancor più di ieri), ha creato degli stereotipi maschili fatti esclusivamente di “muscoli e apparenza”.

Dalla televisione alle riviste patinate, emerge sempre più un uomo forte, muscoloso, bello, autoritario, virile, che cura il suo corpo quanto e più di una donna (di per sé non è qualcosa di negativo), che non ha spazio per essere o sembrare debole.

Ne consegue che per molti uomini, il corteggiamento, così come vivere pienamente le proprie emozioni, è visto come un segno di debolezza, da non mostrare.

Per non dire, con più malignità, come “una pura perdita di tempo”.

A mio avviso, un ragionamento completamente sbagliato, quanto limitante. Almeno per tre motivi:

1. Perché si può essere virili e dolci allo stempo tempo.

2. Perché corteggiare una donna è forse la fase più bella di un rapporto.

3. Perché appunto, come confermi anche tu, le donne amano essere corteggiate.

Ad ogni modo stai tranquilla, seppure pochi, gli uomini che hanno ancora voglia di corteggiare le donne, esistono.

Evita di disarmarti, così come devono evitarlo tutte le amiche che leggono il blog e datti da fare a cercarlo. Scommettiamo che è molto più vicino di quanto tu possa pensare?

Un bacione e se proprio non lo trovi, fammelo sapere che organizzo un bel seminario sul Come corteggiare una donna.

Giancarlo Fornei
Formatore Motivazionale & Mental Coach
“Il Coach delle Donne”

Autore degli ebook Penso Positivo e Donne in Crisi

Protetto: Messaggio per gli amici

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci qui sotto la password:

Saldi, al via il 2 gennaio ma c’è il rischio flop

Secondo il Codacons i saldi invernali in partenza il 2 gennaio saranno “un flop e faranno registrare riduzioni degli acquisti comprese tra il 10 e il 20% specie nelle grandi città”.

Tutto questo per l’eccessiva vicinanza alle festività natalizie che hanno già prodotto uno svuotamento dei portafogli degli italiani. C’è poi un eccessivo livello dei prezzi specie nel settore dell’abbigliamento e delle calzature, che nonostante i saldi, registrerà listini troppo elevati. Secondo Telefono Blu, l’intenzione media di spesa è di poco superiore (come dato medio) ai 280 euro.

Ma quali sono le regole per evitare truffe e raggiri? Tenete a mente questo decalogo:
1. Conservate sempre lo scontrino
2. Le vendite devono essere realmente di fine stagione.
3. Confrontate i prezzi fra più negozi
4. Cercate di avere le idee chiare sulle spese da fare prima di entrare in negozio.
5. Diffidate degli sconti superiori al 50%.
6. Servitevi nei negozi di fiducia.
7. Sulla merce è obbligatorio il cartellino che indica il vecchio prezzo, quello nuovo ed il valore percentuale dello sconto applicato.
8. La prova dei capi non è obbligatoria, ma è a discrezione del negoziante.
9. Nei negozi che espongono in vetrina l’adesivo della carta di credito o del bancomat, il commerciante è obbligato ad accettare queste forme di pagamento anche per i saldi.
10. Se pensate di avere preso una fregatura potete rivolgervi all’Ufficio Comunale per il commercio o ai Vigili Urbani.

Gli italiani tornano a sognare in grande per il 2010

Fonte: www.regali-di-natale.net

Anno nuovo, vita nuova. Meglio se la vita nuova comincia subito. Dopo la crisi degli ultimi mesi, gli italiani hanno voglia di tornare a sognare in grande. E’ quanto emerge da uno studio promosso da BocconiTrovato&Partners e realizzato attraverso 508 interviste a un campione rappresentativo di Italiani e Italiane tra i 14 e i 45 anni.

Se ai primi posti rimane la soddisfazione di bisogni concreti (casa e lavoro su tutti), al loro fianco tornano i sogni con la “s” maiuscola. Il 38% degli intervistati desidera infatti fare il giro del mondo a bordo di jet privati o panfili di lusso, il 21% vorrebbe mettersi al volante di una Ferrari.

In buona sostanza, il 61% afferma che se bisogna sognare tanto vale farlo in grande: tra questi il 38% vorrebbe viaggiare verso mete esclusive e con trattamento da vip, il 21% vorrebbe un nuovo arredamento per la propria casa firmato da un grande designer, il 17% un oggetto tecnologico come un grande televisore ultrapiatto di ultima generazione o un impianto hi-fi super. In bocca al lupo a tutti!!!!!

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.794 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: